L'uomo della Mancha Stampa

Anno 2008

L'uomo della Mancha


Libero adattamento del Musical "Man of La Mancha"

La Scuola di Musical di San Benedetto del Tronto ha prodotto nell'anno 2008 il Musical "L'Uomo della Mancha" un libero adattamento (ad opera degli stessi direttori artistici) del musical americano del 1965 "Man of la Mancha" (libretto di Dale Wasserman, versi di Joe Danton, musica di Mitch Leigh) andato in scena al Teatro Concordia in doppia serata il 31 Maggio e il 1 Giugno 2008. Si tratta di una delle opere musicali più rappresentate negli Stati Uniti ma poco conosciuta in Italia se non per la trasposizione cinematografica che ha visto come interpreti Peter O'Toole e Sophia Loren. Il musical, ispirato al Don Chisciotte di Cervantes, vanta bellissime canzoni fortemente influenzate dalla musica e dalle danze tradizionali spagnole, come il flamenco e il bolero. Tra queste la più nota è "The impossibile dream" (Il sogno impossibile) magistralmente interpretata anche da Placido Domingo. La vicenda che il gruppo di giovani attori riesce ad animare con dinamicità e ritmo, riporta sotto i riflettori, a quattrocento anni dalla stesura, le avventure dell'ingegnoso hidalgo dalla triste figura, scortato dal fedele scudiero Sancho Panza. La storia, che parla di un uomo proteso a raddrizzare i torti dell'umanità e a conquistare il cuore della scontrosa Dulcinea, si snoda in scene recitate, canzoni e balletti con soluzioni sceniche efficaci, a cominciare dall'assemblaggio di oggetti ed elementi scenografici: tavoli, sedie, panche e quant'altro. "L'Uomo della Mancha" è soprattutto un musical in cui gli attori sono i veri protagonisti, le cui interpretazioni corali hanno più valenza del singolo e dove gli aspetti della commedia si fanno farseschi e giocosi con ricche danze, splendide canzoni e ritmi di ispirazione spagnoleggiante, mantenendo sempre aperti quegli spiragli utili ad una possibile e necessaria riflessione che il teatro riesce a toccare affrontando la tematica della follia donchisciottesca. Lo spettacolo è stato rappresentato con grande successo al Teatro Comunale Concordia di San Benedetto del Tronto in doppia serata nel mese di Maggio 2008.

Ecco l'elenco degli interpreti: Anna Attili, Sara Bianconi, Martina Bruni, Gaia Carosi, Massimo Cicchetti, Antonella Ciocca, Ofelia Cossignani, Danila D'Agostino, Eva D'Angelo, Tiziana Fioravanti, Maria Teresa Gabrielli, Pamela Giorgini, Stefano Giostra, Chiara Lo Bartolo, Silvia Marconi, Caterina Mascaretti, Emanuela Merli, Giulia Moscardelli, Giuseppe Plebani, Riccardo Ricci, Marta Rosati, Morena Sgattoni, Laura Siniscalchi, Sergio Spinozzi.

Regia, coreografia e direzione artistica: Eugenia Brega e Paolo Clementi. Scenografia, costumi e oggetti di scena sono del Teatro delle Foglie.

Omaggio a Pinocchio (anno 2008)


Si tratta di una versione originale dell'opera di Collodi in chiave moderna andata in scena in doppia serata il 31 Maggio e il 1 Giugno 2008 al Teatro Concordia di San Benedetto del Tronto che ha visto come interpreti gli allievi iscritti al primo anno di Corso. Lo spettacolo ha preso in esame le fasi salienti delle vicende riguardanti il burattino di Collodi attraverso dialoghi, coreografie originali sulle musiche dei Pooh e di Bennato. Ecco gli interpreti: Bruno Bruglia, Nicole Citeroni, Donatella D'Anniballe, Loredana De Angelis, Giuliana De Santis, Roberto Domizi, Giulia Ficetola, Damiano Gentili, Sabrina Lisa Lardani, Debora Lupi, Liliana Luzi, Veronica Malizia, Petra Marchei, Anna Maria Mozzoni, Rita Palestini, Daniel Pasquali, Maria Lucia Pavoni, Federica Pellecchia, Kira Pintacuda, Mauro Procacci, Angelica Rizzoli, Gabriella Talamonti, Claudia Troiani, Rosa Zanini.

Recensioni


"Complice la straordinaria professionalità dei direttori Eugenia Brega e Paolo Clementi che, in otto mesi di corso, hanno preparato gli allievi in tutte le principali tecniche dello spettacolo musicale, i presenti hanno avuto modo di assistere a un ‘doppio musical' che davvero non ha nulla da invidiare all'ambito palco di Broadway. La prima parte ha visto sulla scena le vicende di Don Chisciotte, il fedele scudiero Sancho Panza e la scontrosa Dulcinea, che il gruppo di giovani attori ha interpretato in un crescendo di recitazione, canto e balletti. Il tutto con una geniale soluzione scenica mirata all'assemblaggio di oggetti ed elementi (tavoli, sedie, panche) che hanno contribuito a cambiare la scena in ‘diretta' e in pochi minuti. E che dire dell'omaggio al burattino di Collodi? Un'autentica chicca che ha trasmesso ai presenti i colori e le birbonate del fantastico mondo di Pinocchio, lo spettacolo si è concluso con un tripudio di applausi per i 50 bravissimi allievi, che hanno dimostrato di avere un talento meritevole di essere coltivato"(Resto del Carlino, Lunedì 2 Giugno 2007).

Alcune Foto